PER LE ANGENZIE

PER LE AGENZIE

Lavora con noi...


Per tutte le Agenzie di viaggio, o liberi cittadini, qui proponiamo una serie di pacchetti davvero interessanti, dove poter dare ai vostri clienti, nel breve tempo a disposizione, tutta la magia del Natale condensata in poche ore, attraverso la visione di presepi, spettacoli, momenti corali e collettivi, dove l'arte e la fede popolare si fondono in uno straordinario paesaggio, in uno dei borghi più caratteristici e antichi della Sicilia.

- PROGRAMMA 1 

MEZZA GIORNATA (domenica)

Raduno dei Signori partecipanti e partenza per Montedoro, nel cuore dell'entroterra Siciliano. Piccolo paese della Sicilia centromeridionale, dista 30 Km da Caltanissetta.  Il suo territorio ha una superficie di 14.14 Kmq, sorge a 470 m. s.l ed è bagnato dal Salito e dal tortuoso torrente Gallodoro, che sfocia nel fiume Platani.  Località abitata dai Sicani e poi dai Siculi. Vi sono tombe a forno nelle contrade Monte Ottavio, Mulinello, Palombaro, Fontana Grande e Fra Diego. Una tomba a Tholos, denominata "Gruttu di li rimitu", sul Monte Ottavio, testimonia la presenza micenea.  In contrada "Marcello" sono stati ritrovati reperti di vasellame, laterizi e oggetti vari di decorazione femminile, ceramica aretina. Dai Berberi e dagli arabi la località venne denominata "El Minzar" (che significa panorama) e il suo corso d'acqua "Ued dur" (fiume che circonda). Nel 1232 Federico II concede il Minzarum al vescovo Ursone di Agrigento. Il 29 marzo 1635 il principe Don Diego Tagliavia Aragona Cortez ottenne la licenza populandi e fondò Montedoro nel feudo Balatazza.  Per circa due secoli il paese ha fondato la propria economia sul lavoro delle miniere.  Dal 1815 al 1975 nel territorio di Montedoro, sono state coltivate diverse miniere di zolfo: Nadurello, Stazzone Sociale, Grottazze, Gibellini. Oggi il paese ha un'economia in prevalenza agricola e terziaria. 

Arrivo presso la piazza principale del paese, incontro con la guida/accompagnatore che porterà il gruppo alla scoperta delle vie dei presepi, numerosi percorsi artistici natalizi, dislocati lungo le stradine più antiche, all'interno di "Case Museo".

Durante il percorso visita della casa di Babbo Natale e della Befana e incontro con i personaggi.

Al termine del percorso, si può concludere con la visione del Presepe Vivente, nel cuore del paese, caratteristico e unico nel suo genere grazie alle stradine e alla scenografia naturale di forte impatto.

Al termine della visita, partenza per il rientro in sede.



- PROGRAMMA 2

GIORNATA INTERA (domenica)

Raduno dei Signori partecipanti e partenza per Montedoro, nel cuore dell'entroterra Siciliano. Piccolo paese della Sicilia centromeridionale, dista 30 Km da Caltanissetta. Il suo territorio ha una superficie di 14.14 Kmq, sorge a 470 m. s.l ed è bagnato dal Salito e dal tortuoso torrente Gallodoro, che sfocia nel fiume Platani. Località abitata dai Sicani e poi dai Siculi. Vi sono tombe a forno nelle contrade Monte Ottavio, Mulinello, Palombaro, Fontana Grande e Fra Diego. Una tomba a Tholos, denominata "Gruttu di li rimitu", sul Monte Ottavio, testimonia la presenza micenea. In contrada "Marcello" sono stati ritrovati reperti di vasellame, laterizi e oggetti vari di decorazione femminile, ceramica aretina. Dai Berberi e dagli arabi la località venne denominata "El Minzar" (che significa panorama) e il suo corso d'acqua "Ued dur" (fiume che circonda). Nel 1232 Federico II concede il Minzarum al vescovo Ursone di Agrigento. Il 29 marzo 1635 il principe Don Diego Tagliavia Aragona Cortez ottenne la licenza populandi e fondò Montedoro nel feudo Balatazza. Per circa due secoli il paese ha fondato la propria economia sul lavoro delle miniere. Dal 1815 al 1975 nel territorio di Montedoro, sono state coltivate diverse miniere di zolfo: Nadurello, Stazzone Sociale, Grottazze, Gibellini. Oggi il paese ha un'economia in prevalenza agricola e terziaria.

Arrivo e visita del museo della Zolfara, unico nel suo genere, straordinario mondo che fa rivivere la civiltà dello zolfo come parte della nostra antica storia, che si riflette più che mai nel presente. Visita dell'Osservatorio Astronomico e del Planetario. L'osservatorio di Montedoro è  rivolto sia al cielo sia alla terra dichiarando in modo naturale questa sua duplice appartenenza. È per questo che, oltre ad ospitare il telescopio con cui vengono osservati i corpi celesti, esso si propone come una terrazza affacciata sul paesaggio...  

Pranzo al Ristorante con diverse portate.

Nel pomeriggio presso la piazza principale del paese, incontro con la guida/accompagnatore che porterà il gruppo alla scoperta delle vie dei presepi, numerosi percorsi artistici natalizi, dislocati lungo le stradine più antiche, all'interno di "Case Museo".

Durante il percorso visita della casa di Babbo Natale e della Befana e incontro con i personaggi.

Al termine del percorso, si può concludere con la visione del Presepe Vivente, nel cuore del paese, caratteristico e unico nel suo genere grazie alle stradine e alla scenografia naturale di forte impatto.

Al termine della visita, partenza per il rientro in sede.



- PROGRAMMA 3

DUE GIORNI (sabato e domenica)

1° giorno

Raduno dei Signori partecipanti e partenza per Montedoro, nel cuore dell'entroterra Siciliano. Piccolo paese della Sicilia centromeridionale, dista 30 Km da Caltanissetta. Il suo territorio ha una superficie di 14.14 Kmq, sorge a 470 m. s.l ed è bagnato dal Salito e dal tortuoso torrente Gallodoro, che sfocia nel fiume Platani. Località abitata dai Sicani e poi dai Siculi. Vi sono tombe a forno nelle contrade Monte Ottavio, Mulinello, Palombaro, Fontana Grande e Fra Diego. Una tomba a Tholos, denominata "Gruttu di li rimitu", sul Monte Ottavio, testimonia la presenza micenea. In contrada "Marcello" sono stati ritrovati reperti di vasellame, laterizi e oggetti vari di decorazione femminile, ceramica aretina. Dai Berberi e dagli arabi la località venne denominata "El Minzar" (che significa panorama) e il suo corso d'acqua "Ued dur" (fiume che circonda). Nel 1232 Federico II concede il Minzarum al vescovo Ursone di Agrigento. Il 29 marzo 1635 il principe Don Diego Tagliavia Aragona Cortez ottenne la licenza populandi e fondò Montedoro nel feudo Balatazza. Per circa due secoli il paese ha fondato la propria economia sul lavoro delle miniere. Dal 1815 al 1975 nel territorio di Montedoro, sono state coltivate diverse miniere di zolfo: Nadurello, Stazzone Sociale, Grottazze, Gibellini. Oggi il paese ha un'economia in prevalenza agricola e terziaria.

Arrivo e visita dell'Osservatorio Astronomico e del Planetario. L'osservatorio di Montedoro è rivolto sia al cielo sia alla terra dichiarando in modo naturale questa sua duplice appartenenza. È per questo che, oltre ad ospitare il telescopio con cui vengono osservati i corpi celesti, esso si propone come una terrazza affacciata sul paesaggio...

Attendendo le stelle spuntare, sarà possibile vivere l'emozione dell'osservazione delle stelle al telescopio.

Cena al Ristorante/pizzeria con diverse portate.

In serata Spettacolo teatrale Natalizio presso il Teatro Comunale.

Rientro in Hotel, pernottamento.

2° giorno

Colazione. Mattinata dedicata alla visita del Museo della Zolfara, straordinario patrimonio di arte e cultura appartenente ad un passato che ha segnato la storia mondiale nell'estrazione di questo materiale e che si riflette più che mai nella nostra storia.  

Passeggiata al Centro storico, dove sarà possibile visitare la bellissima Chiesa Madre con gli annessi giardini.

Pranzo al ristorante con diverse portate.

Nel pomeriggio presso la piazza principale del paese, incontro con la guida/accompagnatore che porterà il gruppo alla scoperta delle vie dei presepi, numerosi percorsi artistici natalizi, dislocati lungo le stradine più antiche, all'interno di "Case Museo".

Durante il percorso visita della casa di Babbo Natale e della Befana e incontro con i personaggi.

Al termine del percorso, si può concludere con la visione del Presepe Vivente, nel cuore del paese, caratteristico e unico nel suo genere grazie alle stradine e alla scenografia naturale di forte impatto.

Al termine della visita, partenza per il rientro in sede.


STRUTTURE

Hotel Sicania di Montalto Agostino:

hotel 2 stelle, con n°11 stanze (circa 20 posti letto) dotate di bagno in camera, tv, climatizzatore, servizio Bar e Ristorazione.

Via Cavour n. 16 www.hotelsicania.it E-MAIL: hotelsicania@hotmail.com

Bed & Breakfast Alba Rosa:

B&B composto da 4 camere spaziose e ben arredate, dotate di climatizzatore, frigo, cucina, tv, e bagno in camera. Dei veri e proprio mini appartamenti con tutti i confort.

Via Alighieri n. 38 www.albarosa.altervista.org E-MAIL: enricosalvo@hotmail.it

TEL: 0934 934461/ 340 9377484

Bed & Breakfast Bufalino Rosario:

B&B con n. 2 camere dotate di bagno, climatizzatore, tv, frigo e cucina con microonde.

Via Capraia TEL: 0934 934112/ 340 7929683

_______________________________________

Case Vacanze Petix:

Casa per vacanze al centro della Sicilia, monolocali e appartamenti con tutti i confort tra i quali: condizionatore, frigo, tv, bagno e cucina.

Via Margherita: n.2 camere con bagno, condizionatore, cucina, frigo e tv

Via Sole: n.3 camere/monolocali con 5 posti letto e 2 bagni

Via Gallo 3 : n. 6 camere con 19 posti letto e 7 bagni Residence il Borgo, Via Flaminia n. 1 www.vacanzepetix.it E-MAIL: info@vacanzepetix.it TEL: 0934 934374/ 3498654614

________________________________________

BAR e RISTORANTI

Bar Ferrazza- Bar pasticceria di Maurizio Sferrazza

Via Garibaldi 54 TEL: 0934 941000

Il Chiosco San Calogero- Bar, panineria di Corsello Vincenza

Via Alighieri TEL: 338 2332987/ 340 0519411

La Fornace di Enrico Morreale- Pizzeria, panineria, tavola calda

( ristorazione con preparazione di cibi da asporto)

Piazza Marconi TEL: 377 2927821

La Tavernetta- Bar, pizzeria di Carmelo Diliberto

Via Gioberti 1 TEL: 0934 934158/ 349 4377596

Le Cupolette Rosse- Bar, Ristorante Pizzeria

Via Sacramento TEL: 349 8654614

Il Covo Della Volpe - Bar, Ristorante, Pizzeria di Falcone Paolo

Via Del Popolo 10 TEL: 327 4522432

Tavola Calda da Franco e Giusy

Via Della Cooperazione TEL: 0934 934711